“Vigili di quartiere a Milano pochi e impreparati. Sala pensa solo ai migranti”

“I vigili di quartiere non solo sono pochi, ma anche impreparati, dato che Pisapia li aveva messi a staccare multe, mentre adesso dovrebbero andare in quartieri difficilissimi, compresa la Molenbeek di Milano. Sala chiede perché non l’avevamo fatto noi. Infatti, l’abbiamo fatto! Con il centrodestra i vigili di quartiere non solo sono stati introdotti ed erano 500 ma erano anche addestrati per garantire la sicurezza”. Lo dichiara Riccardo De Corato, ex vicesindaco e capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale in Regione Lombardia, commentando le dichiarazioni di Giuseppe Sala e Pietro Bussolati sulle periferie. De Corato ricorda che con l’amministrazione Moratti sono stati messi in campo “8 milioni di euro per telecamere, 1 milione da distribuire ai commercianti a rischio rapina, 500 vigili di quartiere, squadre di polizia anti degrado e antiaccattonaggio, mappa del rischio, quasi 200 sgomberi di campi nomadi all’anno (nel 2007 c’erano 8.000 nomadi, nel 2011 solo 1.500 e poi sono raddoppiati appena si è insediato il centrosinistra), quasi 3mila interventi per sgomberare le case popolari occupate, 2 milioni di euro per Milano sicura”.

De Corato fa il conto dei vigili di quartiere con il centrodestra

“Con un investimento comunale di 24 milioni sono state costruite in via Appennini quattro palazzine circondate da un parco pubblico di 28 mila metri quadrati, per un totale di 184 alloggi tra i 50 e i 100 metri tutti dotati di cantina e parcheggio. E’ stato fatto un piano di illuminazione con 66mila punti luce e uno di cablatura per 840 km di fibra”. Invece, con quella Albertini: “10 caserme di forze dell’ordine, parco delle Cave trasformato da bosco dello spaccio a luogo per famiglie, riqualificazione delle piazze della periferia, 437 milioni di euro per ristrutturare le case popolari, 6 miliardi di opere pubbliche realizzate, la creazione di custodi sociali, le case in edilizia popolare di via Penninin e Civitavecchia, da 7mq per abitante di verde a 21mq . Poi metrotranvie, il passante ferroviario, le nuove fermate del metrò, l’avvio dei progetti per la linea 4 e 5”. Per De Corato, “un assessore alle periferie” come proposto dal segretario del Pd Bussolati, ma giudicato già una scelta sbagliata dal primo cittadino “del tutto inutile perché è la mentalità del centrosinistra che non va bene per la sicurezza, ma pensa solo a solidarietà e immigrati”.