Val di Susa, muore in moto travolta da un furgone dopo una lite

Travolta da un furgone è morta sul colpo mentre il fidanzato che guidava la moto è in condizioni gravissime. Un assurdo omicidio stradale per “vendetta”. Un automobilista, risultato positivo all’alcol test, alla guida di una Ford Transit nera, ha rincorso per chilometri la moto con a bordo la coppia di fidanzati, finché l’ha raggiunta centrandola di proposito.

Val di Susa, muore travolta da un furgone

È accaduto in Val di Susa, a Condotte, sulla statale 24. Il motivo della lite, ancora da verificare, potrebbe essere stata una futile precedenza non data. L’omicida ubriaco dopo la lite ha rincorso la coppia tentando di superare la coda degli altri veicoli per speronare la moto. Raggiunta la due ruota all’altezza di Gravio, il furgone ha travolto la moto mandandola a urtare con violenza contro il guard rail. 

Lo schianto della moto sul guard rail

La ragazza Elisa Ferrero, appena laureata, 27 anni tra qualche settimana, è morta sul colpo. Il fidanzato, Matteo Penna, 29 anni, è ricoverato in fin di vita all’ospedale Cto di Torino. Il conducente dell’auto impazzita, Maurizio De Giulio, 50 anni, in stato di ubriachezza, è stato arrestato dai militari per omicidio stradale. I testimoni dello schianto, sconvolti dalla scena, hanno raccontato che l’uomo dopo la rincorsa ha mirato di proposito la mota salendole sopra con l’auto  L’uomo ha già precedenti per  incidenti stradali, qualche anno fa, sempre ubriaco, aveva investito un’auto passando con il semaforo rosso. In quell’occasione, per fortuna, nessuno era rimasto ferito.