Rc auto, stop ai “furbetti” del risarcimento: controlli su tutto il territorio nazionale

Stop ai furbetti delle polizze auto. È cominciata ieri e durerà fino all’8 luglio l’operazione “Mercurio Insurance”, con cui la polizia con l’ausilio di telecamere verificherà fino a un milione di targhe sul territorio nazionale. L’operazione di controllo della rc auto mira in particolare – anche attraverso l’attività ordinaria dei posti di blocco – a controllare la validità della copertura assicurativa dei veicoli in questione. Si tratta di un controllo automatizzato, a tappeto, sul rispetto dell’obbligo gravante sui proprietari di un veicolo in circolazione di dotarsi di copertura assicurativa per la responsabilità civile. L’operazione riguarda l’intera penisola, da nord a sud.

Rc auto, attenti gli errori

Gli apparecchi vengono usati solo per individuare i veicoli che risultano scoperti, in modo che le pattuglie possano fermarli e verificare sui documenti a bordo (cioè solo sul certificato assicurativo, visto che il tagliandino da esporre sul parabrezza non esiste più) se lo sono davvero. L’intervento diretto degli agenti permette di valutare con ponderazione e buonsenso situazioni che in un controllo totalmente automatico darebbero origine a sanzioni infondate. Ci sono veicoli, infatti, che risultano scoperti perché la polizza che li copre contiene un errore di trascrizione della targa. Chi si trova in una situazione del genere e viene fermato può spiegarsi con gli agenti i quali avviano subito una  verifica con la compagnia.