“Ramelli il terrorista”. Tremenda gaffe di Parenzo alla Zanzara (audio)

Attesero Sergio Ramelli sotto casa, a Milano. Era il 13 marzo 1975. Un commando di 10 persone utilizzò una foto “segnaletica” scattata da un suo compagno di classe per individuarlo. Fu aggredito mentre legava il motorino, gli sfondarono il cranio a colpi di chiave inglese. Sergio Ramelli restò in coma per 47 giorni, il 29 aprile il suo cuore cessò di battere. Frequentava l’Istituto tecnico Molinari di Milano, era militante del Fronte della Gioventù, fu bollato con il marchio di “fascista” per aver scritto un tema in classe in cui biasimava gli omicidi delle Brigate Rosse  aggiungendovi una nota di biasimo verso il mondo politico per il mancato cordoglio istituzionale verso la morte dei militanti padovani del MSI Giuseppe Mazzola e Graziano Giralucci, uccisi durante un assalto delle Brigate Rosse alla sede missina avvenuto l’anno precedente. Tanto bastò per essere segnalato ai “compagni” che si resero autori di un vero e proprio assassinio politico firmato da militanti della sinistra extraparlamentare legati ad Avanguardia Operaia.

Accadeva negli anni Settanta, quando “uccidere un fascista non era reato”, ma forse Davide  Parenzo, giornalista e “spalla” di Giuseppe Cruciani alla “Zanzara”, la trasmissione radiofonica di Radio24, non ne era informato. Nell’ultima puntata della trasmissione, prima della pausa estiva, il 28 luglio scorso, David Parenzo, originario di Padova, è incorso in un brutto infortunio, forse involontario, forse no, forse frutto della superficialità con cui si trattano certi argomenti, soprattutto quando hanno a che fare con le vittime di destra.

Prima dei saluti finali, Cruciani e Parenzo ringraziano alcune persone intervenute in trasmissione, svariati “compagni” di viaggio, tra cui un tale Ramelli Matteo, che Parenzo definisce “persona silenziosa ma molto brava“, come si ascolta dall’audio originale al minuto 115. A quel punto Parenzo chiede: “Ma Ramelli è parente del terrorista Ramelli? Quello che era… vabbè… no, lo sappiamo…”. No, Sergio Ramelli non c’entrava nulla.

Il video con il riferimento a Ramelli al minuto 2.25.