Povera sinistra, Gad Lerner candida la Boldrini come leader al fianco di Pisapia

Gad Lerner, che in passato ha fatto da”consulente” per la simpatia a Laura Boldrini, con i risultati che sono sotto gli occhi di tutti, cerca di tenere alta l’attenzione sulla presidente della Camera in questo caldissimo dibattito sulla leadership della sinistra che tiene banco sotto l’ombrellone dei progressisti. Lo sforzo di lanciare il nome della Boldrini, garanzia di impopolarità su tutto il fronte costituzionale, è ammirevole, sui risultati si vedrà. «Avrà un ruolo molto importante, ma la questione non è all’ordine del giorno», spiega Lerner, in qualità di aderente a Campo progressista, che così commenta i rumors che danno la presidente della Camera in prima fIla nel progetto unificatore della sinistra a guida Pisapia, su cui si sta lavorando dopo il meeting del primo luglio a Roma, dove c’è stato il primo incontro con Mdp. Lerner invece spiega di non conoscere come si muoverà la nuova formazione e quale sarà l’attività online, che dovrebbe essere un punto di forza del nuovo gruppo alla sinistra del Pd, puntando a raccogliere consensi tra i giovani attivi sui social: «Di questo – sottolinea – non ne so veramente nulla, vedremo».

Intanto, secondo Libero, sarebbe proprio la Boldrini a dividere Bersani da Pisapia sul modello di organizzazione politica della sinistra-sinistra in vista delle prossime Politiche. La Bordini starebbe caldeggiando un modello web “leggero”, grillini, con zero tessere, adesione e consultazioni online e primarie sul web per scegliere i candidati alle elezioni. L’esatto opposto di quello che immaginano i bersaniani, affezionati al modello pesante in stile Pci.