Omicidio Fortuna, ergastolo per Caputo. 10 anni alla sua compagna

Raimondo Caputo è stato condannato all’ergastolo dalla quinta sezione della Corte d’Assise di Napoli per l’omicidio della piccola Fortuna Loffredo, la bimba morta nel Parco Verde di Caivano il 24 giugno 2014 dopo essere caduta dal palazzo nel quale viveva, e di violenza sessuale nei confronti di Fortuna e delle figlie della compagna, Marianna Fabozzi, quest’ultima condannata a 10 anni di carcere per aver coperto le violenze nei confronti delle figlie. Caputo è stato inoltre condannato a 14 anni di reclusione per il reato di violenze sessuali. “Non lo chiamerei uomo o padre di figli, ma mostro – così ha detto in un’intervista a SkyTg2 Mimma Guardato, la madre della piccola Fortuna Loffredo, violentata e poi scaraventata giù dal balcone il 24 giugno del 2014 nel Parco Verde di Caivano. “Uccidere una bambina, violentarla, cosa ha provato in quell’attimo? Io lo chiamerei mostro”. “Finalmente ho avuto giustizia, anche se lo sapevo dall’inizio che me l’avevano ammazzata”.