Da “modello” a “caso”. In Forza Italia cresce l’insofferenza verso Toti

C’è un “caso Toti” in Forza Italia? A dar retta a retroscenisti e ai soliti bene informati, sembrerebbe proprio di sì. Com’era prevedibile, l’exploit in Liguria, regione governata in prima persona dall’ex-direttore di Studio Aperto, dove il centrodestra ha espugnato Genova e La Spezia, più che da balsamo, ha funzionato da eccitante. Da allora, tra gli “azzurri” è tutto un almanaccare sul “modello Toti”, l’unico vincente. Decisamente troppo per i gusti del Cavaliere che non ci ha messo molto a trasformare il “modello” in un “caso”.

Toti è considerato troppo legato a Salvini

Nel mirino di Arcore è finito non solo il governatore ligure ma l’intero asse del Nord con la Lega di Matteo Salvini. L’asse unionista (Forza Italia, Lega e Fdi-An) vuole il maggioritario e quindi l’unità della coalizione prima del voto. Ma deve vedersela con l’anima aziendalista di Forza Italia, che non disdegna un Nazareno-bis, cioè un rinnovato accordo con Matteo Renzi, previa approvazione di una legge elettorale proporzionale che consenta mani libere prima e dopo le elezioni. Ma non è tutto. A far salire la tensione sono state infatti le recenti sortite, pubbliche e private, di Toti sulla leadership del centrodestra e su scenari post-Silvio. Sortite apparse a più d’uno  un po’ sopra le righe. Una su tutte: quella sul «Berlusconi-De Gaulle italiano», decifrata da molti con un elegante benservito al Cavaliere.

La precisazione sul «Berlusconi-De Gaulle»

Parole pronunciate sabato scorso, rilanciate domenica ma che costringono Toti a precisare a 48 ore di distanza con nota diffusa di primo mattino: «Continuo a leggere retroscena maliziosi che attribuiscono alle mie parole significato opposto a quello che hanno. Non vedo come possa essere interpretato negativamente il mio paragone tra Berlusconi e il generale De Gaulle, eroe della Francia libera e fondatore di ben due repubbliche d’Oltralpe». Ma Toti è nel mirino anche per il suo rapporto speciale con la Lega. Subito dopo le elezioni amministrative di giugno Berlusconi, prima personalmente, poi attraverso i suoi ha battuto sul tasto di Forza Italia come perno del centrodestra. Il suo obiettivo è esorcizzare l’opa ostile di Salvini sulla leadership della coalizione. Un tema, questo, che Toti, invece, non considera centrale: «Vorrei – ha infatti detto di recente in un’intervista – che il centrodestra pensasse più alla squadra che al leader». Il Cavaliere avrà senz’altro preso nota.