Meloni: “Proporrò a Berlusconi e Salvini la coalizione dei patrioti”

“Propongo, e lo farò formalmente alla festa di Atreju che si aprirà il 22 settembre a Roma, quella che chiamo la Coalizione dei patrioti”. Lo afferma Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, intervistata dal Corriere della sera. “Una coalizione – precisa Meloni – che unisca chi voglia difendere l’interesse nazionale, il nostro lavoro, le nostre imprese, i nostri confini, le nostre famiglie e tradizioni: il contrario di quello che è avvenuto negli ultimi anni, con Renzi che ha fatto tutto il possibile per mettere i bastoni tra le ruote alle aziende italiane, basti ricordare l’accordo sul libero scambio Ceta che massacra la nostra economia”.

Meloni: “Il proporzionale? Volerlo ora è da pazzi” 

“E penso -aggiunge la Meloni che oggi è impegnata in un tour in Sicilia – che si possa lavorare per un serio programma con Lega, Forza Italia, con le tante proposte civiche che crescono sul territorio e che non hanno affatto solo un’impronta centrista: anzi noi crediamo che Fdi possa essere naturale interlocutore di queste esperienze”. Quanto alla legge elettorale, “sostenere il proporzionale quando con un meccanismo maggioritario e unendoci su un programma concreto e serio possiamo crescere anche oltre il 35%, è da pazzi. Per fortuna, sembra che le cose stiano un po’ cambiando, che il tema del premio di governabilità sia più a cuore a tutti”.

Meloni: “Anche Silvio sa che Renzi è bollito”

“La scorsa settimana -ricorda- c’è stata un’utile e positiva riunione fra i capigruppo di tutti i partiti del centrodestra sul tema della legge elettorale per cercare una proposta unitaria, ed è un passo importante. Evidentemente, anche Berlusconi si è accorto che ormai Renzi è bollito, e che rischiava di rimanere solo lui a volerlo ancora a palazzo Chigi… Speriamo non cambi ancora idea, ma noi andremo avanti comunque su questa strada”, conclude Meloni.