Meloni: nel dl per il Sud, stanziati 350mila euro per ricordare Gramsci…

Il governo ha posto la questione di fiducia nell’Aula della Camera sul decreto legge per il Sud. Ad annunciarlo è stata la ministra per i Rapporti con il parlamento, Anna Finocchiaro. Si terranno quindi dalle 13 di domani le dichiarazioni di voto sulla questione di fiducia posta dal governo sul decreto per il Sud, mentre la “chiama” dei deputati inizierà alle 15. Il termine per gli ordini del giorno è alle 9,30 di domani. Lo ha stabilito la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. “Il governo Gentiloni ha messo la fiducia sul decreto legge recante Disposizioni urgenti per la crescita economica del Mezzogiorno. E quale sarà, secondo la sinistra, una misura economica da approvare con urgenza per risollevare le sorti del Sud Italia dove oltre un terzo della popolazione è a rischio povertà? Ovvio: spendere 350 mila euro di soldi pubblici per ricordare Antonio Gramsci. Sono certa che un comunista vero come Gramsci avrebbe trovato un modo molto più utile per lo sviluppo del Mezzogiorno che spendere 700 milioni delle vecchie lire per fare una marchetta agli amici degli amici e organizzare un paio di convegni e qualche festa dell’Unità”, ha scritto su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni. Insomma, con lo sviluppo del Mezzogiorno Gramsci e i convegni a lui dedicati non c’entrano proprio nulla.