Macron ci “strappa” la Libia. Vertice a Parigi con il premier al-Serraj e Haftar

Mentre Angelino Alfano, che almeno a tempo perso dovrebbe provare a fare anche il ministro degli Esteri, intrattiene i suoi amici e sodali in quel di Giardini Naxos su temi di grande interesse popolare come la sopravvivenza del suo partito e dei suoi parlamentari, martedì prossimo, all’Eliseo, il presidente francese Emmanuel Macron metterà intorno a un tavolo Fayez al-Serraj, premier del governo di concordia libico, ed il suo rivale, il generale Khalifa Haftar. Al vertice parteciperà anche l’inviato speciale Onu per la Libia, Ghassan Salame, che ha confermato la notizia al settimanale Le Journal de Dimanche. All’ordine del giorno un solo punto: creare una forza armata unita che operi al servizio di tutto il Paese, dalla Tripolitania alla Cirenaica.

Obiettivo: creare un’unica forza armata in Libia

Tradotto dal diplomatiche, significa che mentre noi siamo impegnati a salvare i profughi tra gli applausi che l’Europa ci tributa col capo, però, ben girato dall’altra parte, la Francia ci strappa di mano il dossier libico e se ne impossessa. Con il risultato che mentre l’Italia fronteggia come può l’emergenza sbarchi che ci consegna l’anarchia della Libia attuale, Parigi pensa a ritagliarsi il ruolo di partner speciale della Libia del futuro, attratta com’è dai suoi asset sotto embargo e, soprattutto, dal suo petrolio. L’attivismo di Macron è solo il secondo tempo di una strategia di espulsione dell’Italia dai suoi interessi vitali nel Mediterraneo, intrapresa cinque anni fa da Nicolas Sarkozy con l’assurda guerra a Gheddafi, cui effetti paghiamo noi sotto forma di pressione migratoria.

In Europa l’Italia prende schiaffi da tutti

Non poteva, del resto, che andare così: se noi discettiamo di solidarietà, gli altri si fanno guidare dalla geopolitica e non seguono altra stella polare se non quella dei rispettivi egoismi nazionali. Certo, resta da vedere se la mediazione di Macron sarà coronata da successo e se al-Serraj e Haftar (spalleggiato da Parigi) daranno il loro benestare alla creazione di un’unica forza armata in grado di pacificare la Libia anche nel sud di quella nazione. Ma questo viene dopo. Oggi quel che brucia e il crollo della considerazione dell’Italia in Europa: è triste ammetterlo, ma ci prendono a schiaffi tutti. Sull’immigrazione lo fanno austriaci, ungheresi, polacchi, cechi e slovacco, sui conti i ceffoni arrivando dai tedeschi e sulla Libia dai francesi. E Alfano? Tranquilli, veglia giorno e notte sulla soglia dello sbarramento elettorale.