Libia, Berlusconi: “Spero che il governo non stia prendendo in giro gli italiani”

“Spero che il governo non stia prendendo  in giro un’altra volta gli italiani”. Silvio Berlusconi, in  un’intervista alla Repubblica, commenta così la vicenda dell’impegno italiano in Libia sul fronte del contrasto all’imigrazione clandestina, mostrandosi comunque possibilista quanto a un eventuale  sostegno in aula al Governo con il voto del decreto per la missione.

 “Valuteremo senza pregiudiziali – risponde Berlusconi – ma voglio  essere molto chiaro: ha senso mandare le navi militari, che fra  l’altro opererebbero senza una copertura internazionale, solo se  avranno il potere di riportare in Libia, dopo averli soccorsi in mare, coloro che tentano la traversata. Mai più taxi del mare”.

 Più in generale Berlusconi afferma: “A quanto pare il governo sta per  imboccare dopo tanti anni una strada simile a quella che avevamo  seguito noi: un accordo con le autorità libiche per bloccare le  partenze. Bisogna però vederne bene i termini: per ora c’è una certa  confusione tra annunci e smentite da parte libica ma anche da italiana”.