In sei mesi arrivati oltre 83mila clandestini. “Porti chiusi”? Un bluff

Dal 1° gennaio al 30 giugno i clandestini sbarcati sulle coste italiane sono stati, secondo i dati ufficiali aggiornati del ministero dell’Interno, 83.360. Nello stesso periodo del 2016 erano stati 70222. L’aumento percentuale nel 2017 è dunque del 18,71%. A questi vanno aggiunti i clandestini giunti in Italia tra ieri e oggi, circa 400 ieri a Brindisi, 280 recuperati da operazioni di soccorso al largo della Libia coordinate dalla Guardia Costiera e 650 recuperati dalla nave militare svedese Bkv 002 e sbarcati questa mattina a Catania e quelli sbaracati sulla costa leccese . Il numero dei minori stranieri non accompagnati arrivati in Italia dall’inizio dell’anno è 9.761. Commenta il senatore azzurro Maurizio Gasparri: “Hanno poco da riunire circoli o presunti tali quelli del Pd a Milano. L’Italia li boccia perché hanno regalato il nostro Paese ai clandestini che lo stanno invadendo. Le sceneggiate di alcuni ministri sono durate poche ore. Delrio ha parlato chiaro: porti aperti e più immigrati, campo libero alle Ong e a quanti hanno deciso di scaricare sull’Italia tutte le disperazioni del pianeta”, ha dichiarato il vicepresidente del Senato. “Delrio – dice il senatore di Forza Italia – è il primo responsabile di quanto sta accadendo e perfino gli stessi immigrati nei centri di raccolta si ribellano per l’eccessivo affollamento. Siamo alla scientifica distruzione dell’Italia da parte della sinistra e del Pd. E non è un caso se tutti i sondaggi dimostrano che un centrodestra unito sovrasta per consenso sia la sinistra che gli incapaci grillini. Le parole di Delrio sono gravissime”. Gasparri così conclude: “Lo chiameremo a risponderne in Parlamento perché è inutile far venire in Aula Minniti o altri ministri che poi alla fine si dimostrano privi di qualsiasi potere decisionale se poi Delrio continua a impartire le sue scellerate direttive alla Guardia costiera. Serve un processo politico a Delrio davanti al Paese. Clamorosi poi i fallimenti di Gentiloni. In Europa non conta nulla e già si è detto che il vertice Ue di Tallinn non si occuperà di immigrazione. Lo stesso Macron, che la sinistra tanto decantava, ha chiaramente detto che i clandestini non li vuole. Che figuraccia anche per Gentiloni”. Analoghi commenti dalla Lega: “Invasione in corso, l’Europa se ne frega. E il governo continua a regalare ogni anno 8 miliardi a Bruxelles: vi sembra normale?!? #pdservi”. È quanto scrive su Twitter il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini. “Sull’immigrazione ancora una volta il governo ha imbrogliato gli italiani, vergogna”. Lo scrive sul suo account Twitter il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, allegando la prima pagina del QN-Giorno con il titolo porti chiusi, era solo un bluff.