In manette la baby gang autrice di rapine stile “Arancia meccanica” (video)

La Polizia di Stato di Milano ha eseguito 4 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di quattro cittadini italiani minorenni di 15, 16 e due di 17 anni, ritenuti responsabili di 12 rapine commesse con l’utilizzo di passamontagna, guanti e armi. I 4 minori con cittadinanza italiana, ma di origini egiziane e albanesi, erano noti agli agenti del Commissariato di Quarto Oggiaro già da alcuni anni quando si erano resi responsabili di alcuni atti di bullismo presso gli oratori del quartiere.
L’attività investigativa condotta dal Commissariato, con l’ausilio di mezzi tecnici, ha permesso di accertare che il modus operandi della baby gang era caratterizzata da azioni particolarmente efferate, violente e aggressive nei confronti delle vittime, per lo più titolari di esercizi commerciali, di un hotel e passanti.

Baby gang, violenze e crudeltà

In alcuni casi hanno ferito le vittime colpendole alla testa procurando delle ferite lacero-contuse procurate con il calcio della pistola, in altri casi hanno procurato la frattura del dito di una vittima e contusioni varie. Le violenze gratuite ai danni di esercenti commerciali o di ignari cittadini miravano a dimostrare ai pregiudicati del quartiere le loro capacità criminali, dimostrandone il disvalore sociale e la crudeltà.
Gli agenti nel corso delle perquisizioni hanno rinvenuto armi, tra cui una carabina, un fucile a pompa e delle pistole oltre alla refurtiva: soldi, bancomat, computer, smartphone e droga.