Genova, inizia l’era del centrodestra. Bucci giura e si emoziona (video)

Ha prestato giuramento davanti al nuovo consiglio comunale Marco Bucci, il neoeletto sindaco di Genova che è riuscito nell’impresa storica di strappare Palazzo Tursi alla sinistra. Bucci ha parlato di fronte all’aula gremita e al pubblico intervenuto per assistere, facendo gli auguri di un buon lavoro a tutti i consiglieri neo insediati e dimostrando grande fair play nei confronti dell’opposizione. «Ho molta fiducia nella minoranza, perché può pensare a cose a cui noi non pensiamo», ha detto il primo cittadino, parlando di «rapporti ottimi». 

Da Bucci mano tesa all’opposizione

«I rapporti per adesso sono ottimi e spero che lo restino», ha detto Bucci, per il quale «le opposizioni fanno un grande servizio, perché vedono le cose da un diverso lato». «Quando tu sei impegnato a fare certe cose, ci sono altri che le vedono diversamente e mettono sul tavolo un punto di vista diverso. Il fatto di poter avere questi contributi è un fattore di ricchezza», ha proseguito il sindaco, sottolineando che «poi la decisione può essere diversa, ma bisogna considerarli».

«Risollevare Genova dal degrado»

Bucci non ha nascosto l’emozione per un inizio di legislatura che rappresenta il primo, vero episodio di discontinuità politica nella storia della città e ha sottolineato con forza che «abbiamo il dovere da qui ai prossimi 5 anni di riavvicinare i genovesi all’istituzione del Comune». «Sappiamo di avere i riflettori puntati addosso. Io mi sento e voglio essere il sindaco di tutti i genovesi, di chi non ha lavoro, di chi oggi non si sente sicuro», ha detto il primo cittadino, che vuole «essere il sindaco di chi vuole risollevare Genova dal degrado, sia per i cittadini che possono godere appieno della bellezza della città sia per i turisti, perché vogliamo che Genova si presenti a loro nella veste migliore».