Duterte, il presidente anti-narcos, boccia Trump: è molto meglio Putin…

Il presidente delle Filippine Rodrigo Duterte ha declinato l’invito suo omologo statunitense Donald Trump alla Casa Bianca, sostenendo che mai si arrenderà agli Stati Uniti, un Paese che trova “pessimo”. “In nessun momento durante il mio mandato, o anche dopo, andrò in America”, ha detto il capo del governo filippino ai giornalisti. “Ho visto l’America, e fa schifo. Stanno commettendo molte violazioni dei diritti umani”, ha aggiunto. Duterte ha subito numerose critiche all’estero per la sanguinosa guerra lanciata contro il narcotraffico nell’arcipelago. A livello bilaterale, il rapporto tra Manila e Washington è peggiorato dopo che ha preso il potere e ha riorientato la sua diplomazia verso Pechino e Mosca. Tuttavia nel mese di aprile il presidente americano Donald Trump aveva invitato il suo omologo filippino a Washington. Duterte non aveva risposto, giustificandosi dietro un fitto programma di impegni. E l’attacco di oggi contro gli Stati Uniti è anche una risposta a un’audizione tenuta ieri da una Commissione per i diritti umani del Congresso degli Stati Uniti sulla guerra ai trafficanti. Il presidente filippino Rodrigo Duterte ha invitato il Congresso a estendere la legge marziale in vigore nel sud del Paese per altri cinque mesi, fino alla fine dell’anno. Il provvedimento è in vigore nella regione meridionale di Mindanao da 23 maggio, dopo che centinaia di militanti militari islamici hanno assediato la città di Marawi, a 800 chilometri a sud di Manila. “Sono giunto alla conclusione che l’attuale ribellione a Mindanao non sarà completamente distrutta entro il 22 luglio”, l’ultimo giorno del periodo di 60 giorni, ha detto Duterte in una lettera ai leader del Congresso. Secondo la costituzione delle Filippine, Duterte può dichiarare la legge marziale solo per 60 giorni, ma il Congresso può estendere il periodo su sua richiesta e con un voto di maggioranza. Il conflitto a Marawi City ha provocato quasi 600 vittime, tra cui 45 civili uccisi dai militanti.