Caccia grossa al pazzo che in motosega sta seminando il panico in Svizzera

martedì 25 luglio 14:44 - di Redazione

Continua a Sciaffusa e dintorni la ricerca del 51enne senza fissa dimora che ieri ha fatto irruzione in una filiale della cassa malattia CSS e con una motosega accesa ha ferito due impiegati, uno dei quali in modo grave. L’uomo, che da qualche tempo viveva in un bosco a Uhwiesen, villaggio zurighese confinante con il canton Sciaffusa, potrebbe essere armato, avverte la polizia in una nota. L’aggressore ha problemi psichici ed è considerato pericoloso, soprattutto se si sente messo alle strette. La polizia raccomanda a chi lo dovesse vedere, di non provare a contattarlo, ma di chiamare il 117. Secondo una nota diffusa oggi, il collaboratore di CSS rimasto gravemente ferito ieri rimane ricoverato, ma la sua vita non è in pericolo. Il secondo impiegato, rimasto ferito in modo più leggero, ha già lasciato l’ospedale. Il nuovo bilancio dei feriti comprende due clienti di CSS che hanno subito uno choc e un’altra persone rimasta leggermente ferita nel corso dell’operazione di polizia.
Diversi media hanno intanto provato a ricostruire il passato recente del 51enne. Un personaggio molto introverso che in seguito ad un incidente in macchina soffre di un trauma e riceve una rendita di invalidità: così lo descrive, interpellato dal Blick, il proprietario di una un monolocale a Beromünsterl (LU), dove il ricercato ha vissuto fra il 2014 e il 2016. Tre mesi fa, lo “strano uomo del bosco” aveva inoltre riservato una camera in un hotel di Laax (GR). “Voleva rimanere per un mese e disse che voleva vivere isolato dal resto del mondo. Il giorno successivo fece però perdere le sue tracce”, dichiara sempre al Blick il titolare dell’albergo. “Mi disse che non gli ero simpatico, perché riuscivo a leggere nella sua testa”. Il 51enne viveva da circa 4 settimane nel bosco di Uhwisen(ZH). Il sindaco del comune abita a circa 300 metri di distanza e lo ha incontrato più volte mentre portava a passeggio il cane. “Un giorno mi disse che il mio cane aveva una bella capigliatura e poi esclamò frasi sconnesse su Dio”, ha detto il sindaco al Blick.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *