Brunetta: «L’invasione dei migranti? Renzi faccia mea culpa…»

«Sull’emergenza migranti Matteo Renzi, dovrebbe fare solo un paio di cose: ammettere le sue responsabilità e chiedere scusa agli italiani. Invece, dopo aver svenduto nel 2014 l’Italia all’Ue (come confermato dalle parole non smentite dell’ex ministro degli Esteri, Emma Bonino) con il solo scopo di avere mani libere nel fare deficit per comprarsi il consenso, adesso l’ex premier si vorrebbe scrollare di dosso le sue colpe e accollarle, come ha sempre tentato di fare in questi anni, ai governi che hanno preceduto i suoi tragici mille giorni». Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera.

Brunetta: «Renzi, basta con le bugie»

«Renzi mette la testa sotto la sabbia e tenta di scaricare la responsabilità dell’invasione dei migranti sui governi Berlusconi e Letta. Ma prima dei mille giorni del Fiorentino in Italia il flusso era sotto controllo e sostenibile. L’invasione è arrivata quando Renzi ha svenduto all’Ue l’Italia, quando è cominciato il servizio taxi delle Ong che recuperano i migranti a poche miglia dalla Libia, e viene incoraggiata dalle prospettive di cittadinanza facile (il segretario dem continua a difendere lo “Ius soli”), che ancora ieri il Pd indicava come priorità. Basta propaganda, bugie e prese in giro nei confronti dei cittadini  conclude Brunetta – Chiediamo al ministro dell’Interno, Marco Minniti (e lo faremo anche in sede parlamentare con la presentazione di un’interpellanza urgente), di chiarire ed esprimere la posizione del governo in merito alle affermazioni della Bonino. E Renzi vada a nascondersi, ha tradito il Paese intero».