“Belen girava nuda davanti a mio figlio”. Nina Moric rischia ancora di più…

Si appesantisce la posizione di Nina Moric, la showgirl croata accusata di diffamazione per aver definito, in un’intervista e sui social network, un“viado” Belen Rodriguez. Alla prima udienza tenuta questa mattina in Tribunale a Milano, il pm ha contestato l’aggravante del fatto determinato, previsto dall’articolo 13 della legge 47, poiché la Moric, oltre all’appellativo rivolto alla modella argentina, aveva aggiunto che all’epoca della relazione di quest’ultima con Fabrizio Corona, Belen “girava nuda per casa davanti a mio figlio”, il figlio della Moric e Corona. Richiesta accolta dal Tribunale che ha quindi rinviato gli atti alla Procura affinché venga formulato un nuovo capo d’imputazione. In aula, in mattinata, non c’erano nessuna delle due litiganti, né la Moric né Belen. C’era invece Luigi Favoloso, l’attuale fidanzato della Moric che, fuori dall’aula, ha chiesto notizie ai legali. 

La Moric, recentemente accostata politicamente a CasaPound, è anche accusata di aver detto della showgirl argentina: “Non è una bella persona come tutti credono… … mio figlio ha avuto gli incubi quando aveva cinque anni, lei mi minacciava di morte… minacciava che portava via lei mio figlio”. A rendere pubblica la querela, all’epoca dei fatti, era stata la stessa Moric sul proprio profilo Facebook. La guerra è solo all’inizio e a quanto pare riserverà ancora molte sorprese.