Alfano candidato in Sicilia? Casini frena: «Avvilente la processione da Berlusconi»

lunedì 31 luglio 17:35 - di Redazione

Battuta d’arresto per la trattativa tra Fi e Ap sul candidato governatore del centrodestra alle prossime elezioni in Sicilia. Sarebbe sfumato, per ora, raccontano fonti parlamentari, il vertice previsto per domani a Roma tra Niccolò Ghedini, Angelino Alfano, Gianfranco Miccichè e Gianni Letta, per cercare un accordo sul nome di Nello Musumeci alla presidenza della Regione. Secondo alcuni rumors, l’incontro sarebbe saltato soprattutto per le divisioni interne ad Alternativa popolare. Forti restano, infatti, i maldipancia di chi non vede di buon occhio un’eventuale intesa con il partito di Silvio Berlusconi, preoccupato “dell’abbraccio mortale” del Cav. L’intervento-monito odierno di Pier Ferdinando Casini che considera ”avvilente la processione di chi torna oggi con Berlusconi” e definisce ”incomprensibile il ritorno di Angelino a destra”, riferiscono, avrebbe contribuito ad alimentare le tensioni tra i centristi e in queste ultime ore si sarebbe fatto insistente il pressing su Alfano per frenare l’appeasament con Forza Italia. Fonti azzurre assicurano che il rinvio dell’incontro previsto per domani “non cambia nulla e la trattative continuerà per cercare fino all’ultimo un’intesa all’interno del centrodestra sul candidato più forte per la presidenza della Regione Sicilia”. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *