Veniva dal Qatar il cibo che ha avvelenato 800 iracheni sotto il naso dell’Onu

mercoledì 14 giugno 13:37 - di Redazione

E’ salito a due morti e 827 persone intossicate il bilancio di una maxi intossicazione militare registrata ad Hasansham U2, uno dei campi profughi allestiti per i civili in fuga da Mosul, nel nord dell’Iraq. Lo ha riferito la Mezzaluna rossa irachena, secondo la quale hanno perso la vita una bambina di sei anni e una donna. L’allarme è scattato dopo l’iftar, il pasto che al tramonto rompe il digiuno durante il mese sacro di Ramadan. I pasti erano stati cucinati da un ristorante di Erbil e distribuiti da un’organizzazione caritatevole del Qatar. Oltre 200 persone sono state ricoverate in ospedale per forti dolori allo stomaco e vomito. “L’Unhcr è estremamente preoccupata per gli eventi accaduti nel campo”, ha commentato in una nota l’agenzia Onu che si occupa – con poca attenzione, pare – dei rifugiati. La polizia ha aperto un’inchiesta su quanto successo. Il campo profughi, aperto dall’Unhcr a maggio, si trova a circa 30 chilometri a est di Mosul e ha la capacità di accogliere 9mila persone. Sono in tutto più di 800 i profughi che hanno presentato sintomi da intossicazione alimentare in un campo vicino a Mosul. Il campo profughi Hassansham U2, che si trova tra Mosul ed Erbil, ospita circa duemila sfollati da Mosul dopo l’avvio dell’offensiva militare lanciata dall’esercito iracheno per riconquistare la città dall’Isis. Attualmente i jihadisti controllano, assediati, i quartieri occidentali di Mosul. Secondo quanto dichiarato a Rudaw da Rizgar Obed, supervisore del campo profughi della Barzani Charity Foundation, le persone colpite dall’intossicazione sono tra le 800 e le 900. I casi trattati medicalmente, ha detto, sono 752. Alcuni profughi sono stati ricoverati in tre diverse strutture sanitarie, tra cui l’ospedale di Khabat, 30 chilometri a ovest di Erbil. Le persone intossicate, in maggioranza bambini e anziani, presentavano vomito e disidratazione. La direzione sanitaria di Erbil ha inviato un team medico e una trentina di ambulanze al campo profughi e trasferito i casi più gravi negli ospedali di Erbil e Khabat. Il sindaco di Erbil, Nabaz Abdulhamid, ha detto a Rudaw che il titolare del ristorante che ha fornito il cibo è stato arrestato. Il ministro della Sanità della regione del Kurdistan iracheno, Rekawt Hama Rashhid, e il governatore di Erbil, Nawzad Hadi, hanno fatto visita alle persone ricoverate nell’ospedale di Erbil. Hadi ha spiegato che il cibo (riso, una bevanda allo yogurt, pollo e fagioli) è stato portato nel campo profughi già cucinato, anche se le regole impediscono di inserire alimenti già cotti imponendo la necessità di cucinarli all’interno. 

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *