Vasco Rossi, “tutto esaurito” o “tutti strafatti”? Giovanardi attacca (audio)

Il concerto va al massimo, come canterebbe Vasco Rossi: si preannuncia il tutto esaurito, a Modena, almeno 220mila persone, forse il record mondiale per un evento musicale. Ma al Modena Park, il primo luglio, ci sarà anche il “tutto strafatto” oltre al “tutto esaurito”, con un’abbuffata di canne, droghe varie e alcol?

Se lo chiede il “solito” Carlo Giovanardi, che sui temi delle droghe non fa sconti a nessuno, neanche al suo famoso corregionale. “Il concerto di Vasco è già decollato, il vero problema è di farlo atterrare in sicurezza con i suoi duecentoventimila passeggeri ed una intera città che si troverà a fronteggiare l’arrivo, la permanenza e il deflusso nella notte di un numero cosi eccezionalmente alto di spettatori”, dice in una nota il senatore di Idea. Dichiarazioni poi confermate anche ai microfoni di Radio Cusano Campus.

“E’ necessario pertanto, anche alla luce di quanto accaduto a Torino, che vengano prese misure radicali e straordinarie, con attività investigativa preventiva da qui al primo luglio, per impedire l’arrivo a Modena da tutta Italia di spacciatori e successivamente la presenza capillare dei reparti antidroga dei caschi verdi della finanza e dei Carabinieri che impediscano, anche con l’aiuto di unità cinofile, l’entrata di droga nell’area interessata dal concerto”, aggiunge Giovanardi, che chiede massima attenzione alla proibizione dell’uso di alcol, non soltanto impedendone l’entrata nell’area del concerto, ma anche impedendone la vendita da asporto in tutto il territorio comunale per quella giornata. Parole che in rete i fans del rocker di Zocca, ovviamente, non hanno gradito.

Ecco l’audio integrale dell’intervista a Giovanardi.