Vaccini per il morbillo somministrati male: morti 15 bambini

Quindici bambini che avevano meno di 5 anni sono morti giovedì scorso in Sud Sudan a causa di una somministrazione sbagliata di vaccini per il morbillo. Lo ha annunciato il portavoce del ministero della Sanità sudanese, Riek Gai Kok. Secondo la versione del ministero della sanità si è trattato di un “errore umano”: i vaccini non erano stati ben conservati, è stata usata una siringa per tutti i bambini e tra chi somministrava i farmaci c’erano persino bambini di 12 anni. Il governo del Sud Sudan ha creato una commissione per trovare i responsabili della morte dei bambini e capire se sarà possibile risarcire le famiglie. Sono 2 milioni i bambini in tutto il paese che sono sottoposti al programma di vaccinazioni contro il morbillo. L’Organizzazione mondiale della sanità ha organizzato dei corsi per gli operatori sanitari sud-sudanesi ed è l’Unicef a fornire i vaccini al governo. La notizia ha scioccato il Sudan e il governo ha dovuto ribadire che il fatto è stato eccezionale e che i vaccini non portano alla morte, ma rappresentano invece una prevenzione sanitaria importante.