Vacanze, un’estate al mare: 32 milioni in ferie, con un occhio ai prezzi

Estate al mare. Italiani quasi tutti sotto l’ombrellone per le vacanze 2017. I 32 milioni di cittadini che si apprestano a partire, infatti, opteranno per il 62% per una località balneare, in Italia o all’estero. E’ quanto emerge dalla consueta indagine condotta da Confesercenti Swg che registra come questa sia la percentuale più elevata negli ultimi nove anni: per incontrare un valore superiore, infatti, è necessario risalire al 2007 (64%).

Meno vacanze nelle città d’arte

All’aumento di bagnanti, fa da contrappeso la diminuzione di italiani che trascorreranno le vacanze in una città d’arte o in una metropoli, scelta fatta quest’anno solo dall’14% dei viaggiatori contro il 18% dello scorso anno. Stabile al 10%, invece, la quota di vacanzieri che si rilasserà in montagna. La spesa: qualunque sia la destinazione, però, gli italiani quest’anno terranno più sotto controllo la spesa. Il budget medio previsto per persona è di circa 970 euro, in leggero aumento (+5%) rispetto ai 925 euro rilevati nel 2016.

E per chi resta a casa…

Il fattore economico sarà la principale discriminante per chi invece resterà a casa: oltre la metà (58%) di coloro che non si sposteranno questa estate ha indicato quale motivo principale la mancanza di risorse, mentre solo l’8% resterà a casa durante i mesi estivi per andare in vacanza “fuori stagione”. Anche chi andrà in vacanza, comunque, guarderà al portafoglio, scegliendo soprattutto in base alle disponibilità economiche (46%), oltre che della sicurezza del luogo prescelto (10%). Nonostante i ripetuti episodi terroristici avvenuti, quest’anno la questione sicurezza sembra essere un fattore meno decisivo per la scelta delle vacanze rispetto allo scorso anno. Gli italiani che faranno un viaggio in Europa, infatti, sono il 27%, due punti percentuali in più rispetto allo scorso anno, mentre a scegliere l’Italia sarà il 68%.