Vacanze romane nello schifo: clochard e migranti, due cuori e un letto ai giardinetti

La foto pubblicata dal sito “Roma fa schifo” è solo l’ultima di una lunga serie di immagini che documentano il degrado di Roma, non solo nelle sue periferie. Nella foto in alto, l’immagine documenta l’organizzazione delle “vacanze romane” da parte di una coppia, a occhi lei migrante lui clochard, con un letto di fortuna nei giardinetti di piazza Bologna, come se fosse un lido di Ostia o una capanna in riva al mare.

Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, però pensa a un altro degrado, quello dei monumenti, stanziando 100 milioni di euro per le attività di manutenzione di alcune aree archeologiche. Per i cittadini assediati da rifiuti e caos, nulla. Due giorni fa sul Corriere della Sera l’ennesima denuncia dello scempio in atto nella zona di Castel Sant’Angelo: “In 50 metri da film dell’orrore, s’incontrano: un camion bar, diverse bancarelle di cappelli, gadget, occhiali e cianfrusaglie varie. Venditori di bastoni da selfie, musicisti di strada muniti di amplificatori che sparano watt a tutto spiano. Superato questo, si piomba addosso ad un paio di centurioni a caccia di prede….”, recitava l’articolo, con foto di barboni che urinavano e bancarelle ovunque.  “Ma la cosa che rattrista e che in questo percorso da incubo, i cumuli di monnezza che circondano i cestini dei rifiuti sono quasi confortanti….”.