Tragedia a Milano: vigile uccide il suo superiore, poi si spara alla testa

Tragedia al comando della polizia locale di San Donato, alla periferia di Milano: un vigile  è  entrato nell’ufficio del suo superiore e gli ha sparato. Poi ha rivolto l’arma contro se stesso e ha premuto di nuovo il grilletto. I due vigili urbani sono morti dopo essere stati trasportati in condizioni già disperate uno al Policlinico e l’altro all’ospedale della cittadina che si trova a sud-est di Milano.

All’origine del gesto ci sarebbero attriti di lavoro, secondo le prime informazioni. Il vigile è stato trasportato al Policlinico di Milano e dopo essere rimasto in una situazione particolarmente grave per quasi due ore non ce l’ha fatta. L’altra vittima è deceduta all’ospedale di San Donato. Indagano i carabinieri del comando di San Donato che stanno raccogliendo informazioni anche dalle telecamere di sorveglianza. Il vicecomandante rimasto ucciso, Massimo Iussa di 49 anni, è stato colpito all’interno del comando di via Cesare Battisti a San Donato. Il vigile ’omicida, poi suicidatosi, è invece Massimo Schipa, di 52 anni. Entrambi sono morti dopo il ricovero negli ospedali di San Donato e del Policlinico di Milano.