Torino, tra grillini e centri sociali finita la luna di miele. E ora incombe il G7

Dopo le battaglie tra polizia e i ribelli della movida a Torino, esplode in città il tema della sicurezza. E anche l’immagine della sindaca Cinquestelle Chiara Appendino si appanna sempre di più, come se non bastasse il disastro della tragica serata in piazza San Carlo per la finale della Champions League. E la sindaca, dopo avere firmato l’ordinanza che vieta la vendita di bottiglie in vetro dopo le 20, appare già pronta a ripensarci, e comunque a puntare l’indice contro la Questura: «Abbiamo avuto la conferma che si è trattato di un servizio straordinario che non si ripeterà con le modalità viste», spiega. «È intollerabile sia che i controlli della Questura trovino questa resistenza sia che si sfoci in disordini del genere. Quello che è successo non deve più verificarsi». 

Il clima di tensione è frutto della fine della luna di miele tra l’amministrazione Appendino e i centri sociali, pronti a cavalcare la rabbia per queste nuove misure che vengono giudicate repressive. Così il centro sociale Askatasuna – come riferisce La Stampa – chiama a raccolta movimenti, sindacati di base, studenti e lavoratori contro il G7 dell’Industria, della Scienza e del Lavoro in programma a Torino a fine settembre.  «Non staremo a guardare in silenzio questa messa in scena – scrivono in un comunicato – E sentiamo il dovere di schierarci contro un vertice utile solo ad incrementare le politiche di austerity e di sfruttamento». 

Domani Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, farà visita al Reparto Mobile della Polizia di Torino ”per portare personalmente solidarietà ad agenti e dirigenti aggrediti martedì sera durante controlli in piazza Santa Giulia, una delle aree della movida torinese”. Ad accompagnarla saranno Augusta Montaruli dell’esecutivo nazionale del partito, Maurizio Marrone, consigliere regionale FdI-An del Piemonte e Andrea Delmastro, commissario regionale piemontese. Durante la visita, Giorgia Meloni incontrerà anche le rappresentanze sindacali delle forze dell’ordine per confrontarsi sulla situazione sicurezza a Torino.