Straniero si tuffa nudo nella fontana di Piazza Navona: «Sentivo caldo»

«Sentivo caldo». Un malese di trent’anni ha giustificato così ai vigili urbani il suo bagno completamente nudo nella fontana dei Quattro Fiumi a piazza Navona. Una “piscina” firmata da Gian Lorenzo Bernini, con la chiesa di Santa Agnese in Agone del Borromini di fronte. L’uomo è stato fermato, portato al fotosegnalamento, multato per 450 euro e denunciato. Una sanzione che rimarrà puramente teorica, vista la condizione finanziaria dell’immigrato. Il bagno nella fontana d’autore arriva il giorno dopo l’ordinanza firmata dalla sindaca Virginia Raggi che vieta di bivaccare e perfino sedersi sul bordo di 40 fontane storiche della capitale. Per i trasgressori le multe vanno dai 40 ai 240 euro. Per chi fa il bagno invece vale il provvedimento dell’allora commissario straordinario Tronca, che prevede 450 euro di multa. In questa prima fase, riguardo i divieti in oggetto dell’ordinanza, agli agenti della polizia locale, è stato dato mandato di attuare una politica di dissuasione morbida, diciamo così, per dare modo a romani e turisti di rendersi edotti sulle nuove regole.

Piazza Navona, fa il bagno nudo: il precedente

Il turista accaldato della Malesia chissà se sa di non essere stato il primo a tuffarsi nella fontana dei Quattro Fiumi. A febbraio del 2016 impazzò sul web un video di un altro amante dell’acqua che tra gli applausi e gli schiamazzi dei presenti si tuffò per un bagno in notturna.