Strage sventata a Sesto S. Giovanni: arrestato italo-marocchino. Ecco a voi lo Ius Soli

Fa riflettere non poco la notizia contenuta nell’inchiesta pubblicata sull’ultimo numero dell’Espresso: “L’italo-marocchino Nadir Benchorfi lo scorso dicembre è stato arrestato dalla Digos di Milano con l’accusa di progettare una strage in un centro commerciale di Sesto S. Giovanni, dove si era fatto assumere mentre già cercava armi”. Fa riflettere per più di un motivo . Primo perché questa strage sventata ci conferma che l’Italia rimane nel mirino  dell’Isis. Secondo perché  il presunto terrorista di Sesto S. Giovanni è per metà italiano e per metà  marocchino, ciò vuol dire che, con ogni probabilità, ha la cittadinanza italiana e la cosa non può che presentare un suo rilevante significato politico in questi giorni in cui la maggioranza al Senato si appresta a varare lo Ius Soli, vale a dire l’automatica concessione della cittadinanza ai figli di genitori immigrati. Vale la pena ribadire che l’esercito dei potenziali terroristi in  l’Italia  appare minore rispetto ad altri Paesi come la Francia e la Gran Bretagna proprio perché da noi è possibile espellere un presunto terrorista dal momento che non si tratta , nella maggior parte dei casi, di un cittadino italiano: i terroristi che hanno fatto strage altrove erano invece cittadini di quei Paesi ed erano ben noti alle autorità. Un provvedimento di espulsione avrebbe probabilmente evitato tante stragi.

De Corato: “Fallito il modello d’accoglienza della sinistra”

Nell’inchiesta dell’Espresso non si parla solo della strage sventata a Sesto S. Giovanni ma anche dei cospicui finanziamenti che arrivano all’Isis nel nostro Paese. Allarmato e indignato il commento di  Riccardo De Corato, ex vicesindaco di Milano e capogruppo  di FdI An in Regione Lombardia: “Da anni, ormai, sottolineiamo l’urgenza di archiviare il fallimentare modello di accoglienza che la sinistra, e sindaci come Sala e la Chittò, hanno portato avanti con pervicacia – aggiunge – E adesso  siamo al paradosso: mentre ci arrivano segnali preoccupanti, la  Prefettura emette un documento che per l’accoglienza non parla solo di strutture pubbliche, ma anche di case ed edifici che privati e  cooperative di accoglienza potranno adibire a luoghi temporanei di  accoglienza, come successo nel piccolo Comune di Gudo Visconti”.

Beccalossi: “Quadro inquietante”

Indignazione e allarme anche nelle parole di Viviana Beccalossi , assessore regionale FdI della Lombardia,  delegata dal presidente Maroni a porre in essere azioni di contrasto  al radicalismo “L’inchiesta pubblicata oggi dal settimanale l’Espresso sui finanziamenti che giungono all’Isis dal  nostro Paese, propone – soprattutto per la Lombardia – un quadro desolante e inquietante. Leggere che addirittura una persona si era  infiltrata in un centro commerciale di Sesto San Giovanni, facendosi  assumere, per poi fare lì una strage è pazzesco”.