Strage di Brescia, arrestato a Fatima Maurizio Tramonte

Su segnalazione del Ros carabinieri, la polizia portoghese ha arrestato a Fatima Maurizio Tramonte, condannato all’ergastolo per la strage di Piazza della Loggia avvenuta a Brescia il 28 maggio 1974. Tramonte risultava irreperibile.  «Io non l’ho sentito e non l’ho chiamato. A me non risulta nulla, ma del resto non sono io che devo essere informato circa la sua reperibilità», aveva commentato Marco Agosti, legale di Tramonte. Contattato dall’Adnkronos, l’avvocato non aveva parlato della mancata reperibilità, ma aveva detto solo che dalla Suprema Corte, ieri, si aspettava, come lo stesso Tramonte, ben altro verdetto, cioè l’assoluzione, perché, aveva affermato «la sua innocenza emerge chiaramente dagli atti del processo». I carabinieri del Ros, a seguito della sentenza della Corte di Cassazione che ha definitivamente condannato all’ergastolo gli autori della strage di Piazza della Loggia, hanno notificato a Venezia il provvedimento a Carlo Maria Maggi presso l’abitazione dove è domiciliato, gravemente ammalato.