Stipendio d’oro di Fazio, scatta la denuncia. Gasparri: “Stracciamo il contratto”

Prima tutti a difenderlo, ora a sinistra non si trova nessuno che spenda una parolina in favore di quel contratto d’oro ottenuto da Fabio Fazio nei giorni scorsi grazie al via libera del Cda della Rai. Perfino Renzi, tramite il suo “portavoce” in Commissione di Vigilanza Rai, Michele Ansaldi, s’è dissociato da quella valanga di soldi offerti al conduttore di “Che tempo che fa”. Ma intanto, arriva anche la prima denuncia: “La Procura di Roma dovrà disporre il sequestro cautelare del nuovo contratto tra Fabio Fazio e la Rai, che riconosce al conduttore 2,2 milioni di euro annui di compenso per 4 anni”, è la richiesta del Codacons, che presenterà domani una istanza urgente alla magistratura e un esposto alla Corte dei Conti.

Il centrodestra contro il contratto d’oro di Fazio

Sul fronte politico è il centrodestra a muoversi con atti concreti: “Martedì in commissione di Vigilanza porrò con urgenza il caso Fazio. È roba intollerabile, da codice penale.  rima di discutere di qualsiasi altro tema, bisogna mettere le cose in chiaro. Il contratto con Fazio deve essere stracciato. È uno scandalo di portata inenarrabile. Ora basta”, afferma il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri.

“A sinistra si ricopre d’oro Fabio Fazio, a destra si manda a casa Massimo Giletti. Questo è il nuovo corso della Rai, un’informazione indirizzata verso una sola area politica. Probabilmente il Consiglio d’amministrazione spera di tenersi buono il Pd e gli vuole fare un bel regalo in vista delle prossime elezioni: un servizio pubblico che per fare informazione si rivolge solo a professionisti di quella parte politica”, aggiunge la deputata di Forza Italia Daniela Santanchè.
“Questo Cda -aggiunge- si sta dimostrando completamente inadeguato e l’unica possibilità che ha per salvarsi la faccia è dimettersi per intero al più presto e ritirare le proprie decisioni”.