Statali, Madia taglia sui malati di cancro: tetto di assenze anche per la chemio

Un tetto massimo di assenze per malattia durante l’anno anche in caso di gravi patologie che richiedono terapie salvavita quali chemioterapia ed emodialisi. È la ulteriore “stretta” all’assenteismo nel pubblico impiego predisposto dal ministro della Funzione pubblica Marianna Madia per il rinnovo dei contratti. E sarà l’Aran a negoziare, in sede di trattativa, il computo dei giorni di assenza collegati all’effettuazione di terapie salvavita «anche se non coincidenti con i giorni di terapia e a condizione che si determinino effetti comportanti incapacita lavorativa». Un ampio capitolo dell’atto di indirizzo del resto è dedicato a permessi, assenze e malattia, un tema delicato che da settembre sarà affidato ai controlli dell’Inps secondo quanto previsto dal nuovo testo unIco del pubblico impiego. Madia prevede inoltre una disciplina specifica sui permessi orari per visite mediche, terapie, prestazioni specialistiche ed esami diagnostici fruibili a giorni e addirittura a ore. Ma anche permessi brevi a recupero, permessi per motivi familiari e riposi connessi alla banca delle ore che viene indicata come «base di partenza per ulteriori avanzamenti nella direzione mi una maggiore conciliazione e tra tempi di vita e di lavoro».

Marianna Madia

Marianna Madia

La Madia impone una stretta anche per le terapie salvavita

Tuttavia anche in questi casi sono previsti nuovi paletti. L’ assenza deve essere giustificata con un’attestazione rilasciata dal medico o dalla struttura, anche privata, che ha svolto la visita o la prestazione o tramessa all’amministrazione presso cui lavora il dipendente pubblico. La direttiva prevede anche un “monte ore” annuale per la fruizione di tali permessi con l’indicazione che 6 ore di permesso corrispondono a un’intera giornata di lavoro. Infine, si prevede un periodo di servizio minimo nell’arco della giornata almeno pari alla metà dell’orario e, salvi casi d’urgenza, adeguati periodi di preavviso.