Sparatoria all’arsenale Redstone Usa: ci portarono gli scienziati nazisti nel ’45

Allarme per una sparatoria in una base militare dell’Alabama, l’arsenale Redstone. L’account twitter e la pagina Facebook della base hanno esortato tutto il personale a trovare rifugio per un possibile killer in azione all’interno del complesso. Al momento non si ha notizia di vittime, riferisce l’emittente Nbc. Il messaggio diffuso al personale comprende l’ordine “corri, nasconditi, combatti” che viene diffuso in questi casi. Nella base si trovano sedi di diverse organizzazioni civili e militari, fra cui l’aviazone dell’esercito, un comando missilistico e il Marshall Space Flight Center della Nasa. Tutti i cancelli sono stati chiusi e il personale è rimasto all’interno degli uffici. il portavoce della base Christopher Colster ha detto che non vi è conferma di vittime, ma che si sta cercando di capire cosa sia successo.  All’arsenale Redstone risiedono stabilmente quadi duemila persone, ma durante il giorno vi lavorano sino a 40mila persone. Originariamente era un impianto per la fabbricazione di armi chimiche per la Seconda Guerra Mondiale, mentre nell’immediato dopoguerra divenne la sede degli scienziati tedeschi di razzi che furono portati negli Stati Uniti come parte dell’operazione Paperclip, tra cui Wernher von Braun.