Sicilia, spartizione di fine legislatura scatena tutti contro tutti nel Pd

“Speriamo arrivi Grasso come candidato presidente, sicché la gente dimentichi in fretta Crocetta e il crocettismo”, sembra essere davvero questo il pensiero -e la speranza- diffuso negli ambienti del Pd siciliano di vertice e di base, specie all’indomani della grande “infornata” di nomine ed incarichi del Governo regionale.

Perfino i giovani del Pd hanno preso le distanze da Crocetta e dalle modalità che hanno portato a queste nomine dal sapore molto elettorale, visto che tra quattro mesi i siciliani saranno chiamati al voto. Eppure fino a pochi mesi fa tra i “Giovani democratici” si scorgevano tanti sostenitori dell’allora assessora-studentessa Nelli Scilabra, la stessa che oggi è destinataria, tra gli altri, di un recente incarico di consulenza concesso per volontà del presidente Crocetta. Dopo una legislatura fallimentare i tempi sono evidentemente cambiati, e con essi anche il vento.

“A pochi mesi dalla fine della legislatura -ha dichiarato Antonino Musca, segretario provinciale GD Palermo- è inaccettabile la distribuzione di nuove consulenze e prebende da parte del governatore Crocetta e dei vari assessori regionali.

Questa – prosegue Musca – è una operazione che sa tanto di campagna elettorale e che noi giovani non possiamo minimamente accettare. In un momento di crisi e di tagli il Governo regionale, alle prese con liti e crisi di governo, pensi a governare e a dare le ultime risposte ai siciliani. Questi ‘esperti’ non erano assolutamente necessari. Incarichi pagati a peso d’oro e solo per pochissime settimane di lavoro. Questi soldi, invece, -conclude Musca- potevano essere spesi meglio per politiche attive del lavoro e welfare per consentire alle giovani generazioni di restare in questa terra evitando di cercare nuove mete e migliori opportunità di lavoro”.

Insomma, dai giovani PD un ennesimo episodio di “fuoco amico” sul governo regionale più disastroso che la storia della Sicilia ricordi.