Scontro tra treni in provincia di Lecce: tredici feriti

Dieci passeggeri sono rimasti feriti in modo non grave nello scontro tra due treni nei pressi di Galugnano, in provincia di Lecce. Sul posto sono arrivati carabinieri, polizia e ambulanze del 118. La linea coinvolta è quella gestita dalle Ferrovie Sud-Est. Ancora non si hanno notizie circa la dinamica che ha causato l’impatto, se questo sia stato dovuto a una distrazione, a un errato comando, o da qualche dispositivo che non ha funzionato o ha funzionato male. Dalle prime ipotesi potrebbe essere stata colpa di un mancato funzionamento dello scambio ferroviario.

Lo scontro tra treni avvenuto a Galugnano

Secondo quanto si apprende i feriti dell’incidente ferroviario avvenuto questo pomeriggio nel leccese sono 12-13. In genere hanno riportato contusioni ed escoriazioni. L’incidente è avvenuto all’uscita di Galugnano, frazione di San Donato di Lecce, sulla tratta tra il capoluogo salentino e Otranto. Le due littorine procedevano in senso opposto ma a bassa velocità. Infatti anche i mezzi non hanno riportato grossi danni.

Il precedente dello scontro tra treni in Puglia

Esattamente un anno fa, nello scontro tra i due treni della Ferrotranviaria sulla tratta Andria-Corato dello scorso 12 luglio, morirono 23 persone. Un incidente ferroviario tra i più gravi nella storia italiana. Secondo quanto ha accertato finora la procura di Trani Ferrotramviaria, utilizzando il sistema “obsoleto e non sicuro” del blocco telefonico per controllare la sicurezza sulla linea Corato-Andria, ha violato la normativa sulla sicurezza sul lavoro ai danni sia dei propri dipendenti sia dei numerosissimi passeggeri dei treni. Ne è convinta la Procura di Trani che ha avviato accertamenti su questo nuovo filone investigativo. La nuova contestazione fa parte del fascicolo d’indagine sul disastro ferroviario. Tra i nuovi indagati oltre ai sei già sottoposti ad indagine: il direttore generale di Ferrotramviaria, Massimo Nitti, il direttore di esercizio, Michele Ronchi, la presidente di Ferrotramviaria, Gloria Pasquini, il capotreno del regionale partito da Andria, Nicola Lorizzo, e i due capistazione di Andria e Corato, Vito Piccarreta e Alessio Porcelli.