Salvini: «Gli italiani vogliono vederci uniti, senza ammiccamenti a sinistra»

«Gli elettori vogliono un centrodestra unito, certo». Matteo Salvini, in un’intervista al Corriere della Sera, commenta l’esito dei ballottaggi. Aggiungendo che gli elettori vogliono però una coalizione compatta «che non strizzi l’occhio a sinistra». Per Salvini «la lezione di oggi è che se vinciamo con una squadra compatta abbiamo il dovere di riproporla a livello nazionale. La Lega c’è, vediamo gli altri».

La soddisfazione di Salvini per i risultati della Lega

Il Carroccio «è di gran lunga il partito che cresce di più. Berlusconi sostiene che sotto il Po non esistiamo, mentre anche all’Aquila prendiamo più voti che Forza Italia.  Oggi è una bella giornata perché sappiamo chi ha vinto e chi ha perso un’ora dopo la chiusura delle urne. Questo è il maggioritario. Se Berlusconi ha a cuore la coalizione, dovrebbe piacergli». Poi l’attacco al premier: «Se fossimo un Paese normale, dopo una batosta, dopo un licenziamento come questo, il governo domattina si alza senza nessun tipo di legittimazione popolare», ha detto Salvini, stavolta in collegamento telefonico con il Tg La7. «Un dato politico come quello di questo voto dovrebbe far passare l’ultima notte da presidente del Consiglio al signor Gentiloni. D’Alema, dopo le elezioni regionali, ne trasse le conseguenze a fine anni ’90…»..