Rischia di saltare la Coppa del Mondo 2022, prevista in Qatar? La Fifa tace

La Fifa ha scelto il silenzio e ha rifiutato di fare commenti sulla crisi diplomatica che ha coinvolto il Qatar, dove si svolgerà la Coppa del Mondo del 2022. “La Fifa è in contatto permanente con il comitato organizzatore locale e con i vari attori coinvolti per il Mondiale 2022”, ha spiegato la Fifa alla dpa. “Non abbiamo al momento altri commenti da fare al riguardo”. L’Arabia Saudita, il Bahrein, l’Egitto e gli Emirati Arabi Uniti hanno annunciato la rottura delle relazioni con l’emirato del Qatar nel mezzo di un violento confronto tra Doha ed i suoi vicini del Golfo per la lotta al terrorismo e le relazioni con l’Iran. I quattro Paesi hanno chiuso le frontiere e hanno chiesto ai cittadini del Qatar di lasciare i loro territori entro due settimane, dopo aver accusato il Qatar di appoggiare il terrorismo in Yemen e in Siria. La crisi diplomatica e la situazione nel Golfo aggiunge un motivo dipreoccupazione in più a un Mondiale che si è visto coinvolto in tante polemiche sia dalla sua aggiudicazione. L’appuntamento si svolgerà nei mesi di novembre e dicembre, una cosa senza precedenti nel torneo, a causa delle temperature estremamente elevate dell’estate in Qatar. Anche il comitato organizzatore della Coppa del Mondo del Qatar 2022 e la Confederazione Asiatica di calcio, che organizza gli incontri internazionali nella regione, come la Fifa, hanno scelto di non commentare la crisi diplomatica che ha coinvolto il Qatar. La nazionale del Qatar è ancora coinvolta nelle gare di qualificazione per la Coppa del Mondo 2018 in Russia ed è in corsa per la qualificazione nel proprio gruppo, con quattro punti in sette partite, in attesa delle sfide con la Corea del Sud, la Siria e la Cina. C’è infatti ancora una possibilità, anche se molto remota, di chiudere al terzo posto nel gruppo e andare ai playoff contro la squadra che arriverà terza nell’altro gruppo asiatico di qualificazione, tra cui l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti, due dei quattro Paesi che con Bahrein ed Egitto hanno annunciato la rottura delle relazioni proprio con l’emirato del Qatar con l’accusa di appoggiare il terrorismo. La Coppa del Mondo del 2022 è il fulcro di una strategia per proiettare il Qatar a livello globale attraverso lo sport. La crisi diplomatica potrebbe avere un forte impatto negativo sui preparativi. In Qatar da qui all’inizio del torneo dovrebbero essere ospitati tanti eventi in diversi sport, anche per migliorare le infrastrutture e le competenze. Quest’anno saranno organizzate 72 manifestazioni, 39 delle quali internazionali.