Renzi, clamorosa sconfitta in casa. A Rignano bocciata la candidata di papà Tiziano

Una clamorosa sconfitta in casa, quella subita da Matteo Renzi: a Rignano, dove papà Tiziano, fino a due mesi fa segretario del Pd, sosteneva Eva Uccella, ex vicesindaco del primo cittadino del Pd. Ha vinto invece Daniele Lorenzin, ex fedelissimo renziano ma che da “dissidente” aveva sfidato la linea ufficiale del partito con una propria lista civica. La Uccella ha perso, nonostante il sostegno della famiglia Renzi, che con Lorenzini era arrivata alla rottura politica e alla presentazione di liste separate dopo alcune interviste rilasciate dallo stesso sindaco uscente sul caso Consip. Lorenzini vince con quasi il 50% dei voti mentre la candidata del Pd si ferma intorno al 29%.

Daniele Lorenzini  nel 2012 era stato eletto dal Pd, per poi decidere di andare contro il suo vecchio partito e contro Tiziano Renzi, segretario del circolo. Da lì era iniziato lo scontro con il sindaco che aveva denunciato pesanti pressioni su uno dei suo candidati al consiglio comunale.
Significativo, in Toscana, nella terra rossa che ha dato natali all’ex premier Renzi, il dato sull’astensionismo. I votanti sono stati il 56,7% degli aventi diritto, il 4% in meno rispetto alle passate amministrative.