Razzo di Hamas contro Israele. Tel Aviv reagisce con due incursioni

Nuovi raid israeliani sulla Striscia di Gaza. L’aviazione israeliana ha colpito nelle ultime ore due obiettivi di Hamas nel nord e nel sud di Gaza dopo che un razzo lanciato dalla Striscia è caduto in una zona aperta nel sud del Paese senza fare vittime né danni. Lo riferisce il portale di notizie israeliano Ynet. Secondo i media palestinesi, i raid hanno colpito due postazioni militari di Hamas nella città di Gaza e a Rafah. Il portavoce del ministero della Sanità di Gaza, Ashraf al-Qedra, ha confermato che non ci sono vittime a seguito delle operazioni. Su Twitter le forze israeliane affermano di aver colpito “infrastrutture militari di Hamas a Gaza”. “Dal momento che l’organizzazione terroristica di Hamas amministra la Striscia di Gaza, è anche responsabile per ogni tentativo di danneggiare lo Stato di Israele”, affermano in un comunicato le forze di sicurezza israeliane. Secondo il sito web del Jerusalem Post, il gruppo salafita Ahfad al-Sahaba, con base a Gaza e affiliato al sedicente Stato Islamico (Isis), ha rivendicato nella notte il lancio del razzo contro Israele. In un comunicato di cui dà notizia l’agenzia di stampa palestinese Maan, Hamas sostiene che le “affermazioni israeliane riguardo il lancio di un razzo da Gaza e la diffusione di un comunicato a nome dell’Is per giustificare l’escalation e un attacco contro postazioni della resistenza fanno parte di un chiaro e pericoloso gioco israeliano”.