Raqqa, i curdi pronti all’assalto per annientare l’Isis. Ogni ora è buona

Le Forze democratiche della Siria (Fds) avanzano nel settore orientale di Raqqa, la città del nord della Siria trasformata nel 2014 dai jihadisti dell’Isis nella capitale del “califfato”. All’agenzia di stampa Dpa un portavoce delle Fds, Ahmed Mohammed, ha confermato che le Forze democratiche della Siria (alleanza curdo-araba sostenuta dagli Usa in funzione anti-Isis) combattono nell’area di Hetin e nella zona della via 23 febbraio. Il portavoce ha confermato che nelle ultime ore le Fds hanno conquistato la zona industriale di al-Sanaa dopo aver preso sabato il pieno controllo del quartiere di al-Mosheileb, alla periferia orientale di Raqqa. La notizia della conquista della zona industriale è stata confermata dagli attivisti dell’Osservatorio siriano per i diritti umani, inspiegabilmente presenti negli stessi luoghi dove opera l’Isis, secondo cui l’alleanza curdo-araba ha raggiunto le mura della Città Vecchia di Raqqa. La zona, stando al direttore dell’Osservatorio, è colpita da pesanti bombardamenti. “Nonostante la liberazione di alcuni quartieri nella parte orientale della città, ci sono cellule dell’Isis che continuano a sferrare attacchi contro le Fds e i loro alleati – ha detto alla Dpa il capo dell’Osservatorio, Rami Abdel Rahman – Nei prossimi giorni assisteremo a battaglie decisive, più violente di quelle a cui abbiamo già assistito”.