Raqqa assediata dai curdo-siriani: si attende solo l’assalto finale

Le Forze democratiche della Siria (Fds, alleanza mista curdo-araba) rivendicano la conquista di diversi quartieri strategici alla periferia di Raqqa, la città del nord della Siria trasformata nel 2014 dai jihadisti dell’Isis nella capitale del “califfato”. In un comunicato, come riporta la tv satellitare al-Jazeera, le Fds affermano di aver preso stamani all’alba anche il controllo della zona di al-Romaniya, nella parte occidentale di Raqqa. Al-Romaniya è il terzo quartiere in cui le Fds riescono a sconfiggere i jihadisti dall’avvio – la scorsa settimana – della nuova fase dell’offensiva per la liberazione di Raqqa. Nel comunicato le Fds – sostenute dagli Usa in funzione anti-Is – affermano che continuano i combattimenti per il controllo dei quartieri di Sinaaya e Hetin, rispettivamente a est e ovest di Raqqa. Sabato le Fds sono entrate nella zona occidentale di al-Sabahiya.

Il leader dell’Isis al Baghdadi sostituito da un direttorio

Il leader dell’Isis, il califfo Abu Bakr al-Baghdadi, “oramai non è altro che la facciata dell’Isis”. E’ quanto ha dichiarato al quotidiano arabo londinese Al-Sharq al-Awsat il direttore del portale Furat Post, Ahmad al-Ramadan. Stando a Ramadan, il cui portale si occupa degli eventi nella provincia siriana nordorientale di Deir Ezzor, Baghdadi “è stato allontanato dai vertici” del gruppo, laddove “la leadership effettiva dell’organizzazione in Siria e in Iraq è in mano a un consiglio composto da 12 membri”. Sarebbe questo consiglio “a pianificare ed emettere gli ordini per tutte le questioni pertinenti all’Isis”, ha aggiunto Ramadan. Queste dichiarazioni giungono nel bel mezzo dell’offensiva militare delle Forze democratiche della Siria (Fds), spalleggiate dalla Coalizione internazionale a guida Usa, contro la città di Raqqa, roccaforte siriana dell’Is.