Rapita fuori la moschea e uccisa: dopo Londra, un altro caso di odio-anti-islamico

Si incastona nella cornice di quanto appena accaduto a Londra, quest’altro episodio di violenza letale che arriva dalla Virginia: due fatti di sangue che, nella loro diversità, sembrano essere accomunati da un istinto predatorio, dal covare di un profondo odio anti-islamico, di rabbia e frustrazione sociale. Tutti sentimenti figli della propaganda di morte, sangue e rancore per il “nemico occidentale”, ingaggiata dai miliziani jihadisti pronti a trasformarsi al grido di Allah Akbar in terroristi stragisti. 

Usa, rapita fuori la moschea e uccisa

E allora, è stata trovata morta una ragazza di 17 anni che era stata aggredita e rapita da un uomo all’uscita da una moschea della Virginia. Un uomo di 22 anni, Darwin Martinez Torres, è stato arrestato per l’omicidio di Nabra Hassensen. E la polizia non esclude che si sia trattato di un crimine dettato da odio anti-islamico. Secondo le ricostruzioni, la ragazza, insieme ad un gruppo di altri teenager, stava uscendo, la notte tra sabato e domenica, dalla moschea di Sterling dove avevano partecipato ad un iftar, il pasto notturno con cui durante il Ramadan si spezza il digiuno diurno. Il gruppo è stato aggredito da un uomo alla guida di un’auto. Spaventati, i ragazzi sono tutti tornati indietro nella moschea dove si sono accorti che Nabra non era con loro. La scomparsa è stata subito notificata alle autorità ed è iniziata «una vasta ricerca» in tuta l’area e dintorni, nella speranza di ritrovarla viva. Il corpo della ragazza, invece, è stato trovato poco dopo in un laghetto della zona. Zona intorno alla quale era stato avvistato il sospetto, poi arrestato. terribile quanto dichiarato dalla madre della ragazza, che ha detto che la giovane è stata uccisa con un colpo di spranga.

Un episodio frutto dell’odio-anti-islamico sempre più diffuso

Se confermata la matrice anti-islamica dell’attacco, sarebbe il secondo contro ragazze musulmane avvenuto di recente negli Stati Uniti, in poche settimane: il mese scorso due uomini sono stati accoltellati ed uccisi su un treno a Portland perché intervenuti in difesa di due ragazze musulmane che venivano infastidite. E altre misure di sicurezza che sono state adottate dopo che nei mesi scorsi sei musulmani sono stati uccisi in un attacco ad una moschea del Quebec. Il vice governatore della Virginia, Ralph Northam, che ha appena vinto la nomination democratica per le elezioni da governatore, si è dichiarato «profondamente scosso» da questo omicidio. E dal clima che si respira nel territorio da lui governato.