Neonato affoga nella vasca, la mamma confessa: “Stavo aggiornando Fb”

La notizia è terribile e se fosse confermata aprirebbe l’ennesimo squarcio inquietante sul rapporto tra gli utenti dei social e Facebook, in molti casi bel al di là delle semplice “dipendenza”. Una giovane madre, con tre figli, ne avrebbe lasciato morire uno, affogato nel bagnetto, perché impegnata ad aggiornare il proprio profilo Facebook. Per venti minuti, risultati fatali al bambino: un tempo sufficiente alla polizia per ipotizzare un reato gravissimo e indagare la donna, una ragazza americana, del Texas, Cheyenne Summer Stuckey, 21 anni, che inizialmente avrebbe ammesso di aver lasciato la figlia Zayla Hernandez di soli 6 mesi sola mentre le stava facendo il bagnetto nella vasca da bagno nella sua casa. Secondo il Sun, la ragazza avrebbe poi sminuito la propria “distrazione”, sostenendo di essersi messa al pc solo per pochi minuti.