Melania dal 14 giugno alla Casa Bianca: aiuterà a svelenire il clima su Trump

Momento difficile per Donald Trump, su cui gravano le ombre del Russiagate. Così la moglie Melania ha deciso di condividere il momento con il presidente Usa: risiederà alla Casa Bianca dal 14 giugno. Una notizia che esula dal consueto gossip sulla first lady, inizialmente intenzionata a tenersi lontana dalla corte presidenziale. 

Lo staff di Trump – rileva il Messaggero – confida sul fatto che l’arrivo di Melania possa portare una ventata di serenità alla Casa Bianca. «La sua presenza non fermerà certo le inchieste, ma in un momento in cui questa presidenza ha bisogno di una boccata di stabilità, potrebbe portarla», ha detto a Politico Katherine Jellison, docente dell’Università dell’Ohio specializzata in storia delle first lady. Insieme alla terza moglie ed al figlio minore del presidente – che ha altri quattro figli con altre due mogli – si prevede che anche i suoceri sloveni di Trump, Victor ed Amalija Knavs, arrivino per aiutare la figlia. Anche se non si prevede che si trasferiranno completamente a Washington, come invece fece Marian Robinson, la madre di Michelle Obama.

Melania tra l’altro giunge alla residenza presidenziale reduce dai successi del suo primo viaggio all’estero a fianco del marito: la sua immagine ne è uscita molto rafforzata, al punto che il New York Times l’ha paragonata a Jacqueline Kennedy