Maturità, la poesia di Caproni tra i robot e gli anni del boom economico

Maturità al via per 500.000 studenti: e come sempre si comincia dalla prova di italiano il cui enunciato, puntualmente, smentisce rumors e indiscrezioni, ipotesi e convinzioni della fatidica notte prima degli esami. Un solo elemento differenzia quest’annata di maturandi dalle precedenti: in quel mezzo milione di esaminandi alla prova dell’Esame di Stato, oltre 26.000 non sono di cittadinanza italiana.

Maturità 2017 al via: ecco i numeri

Dunque ci siamo: maturità 2017 al via. Come anticipato, in 500.000 questa mattina affronteranno la prima prova dell’Esame di Stato. Più di 25.000 sono le classi coinvolte e 12.675 le commissioni. Si è cominciato alle 8,30 con la prova scritta d’italiano, uguale per tutti, che avrà una durata massima di 6 ore. Ad ogni maturando è stato consegnato un fascicolo contenente le tracce elaborate dal Miur e gli studenti hanno potuto scegliere quale svolgere, tra analisi del testo, saggio breve, tema storico o tema di attualità, a seconda del proprio interesse, della conoscenza dell’argomento e della propria capacità di scrittura, analisi e rielaborazione dei documenti messi a disposizione dal Ministero dell’Istruzione.

La notte prima degli esami sfocia nei versi di Caproni

Di questa massa di esaminandi alla prova dell’Esame di Stato, circa 210.000 maturandi hanno partecipato alla tradizionale maratona web di Skuola.net durante la notte prima degli esami. Attori, cantanti, youtuber e personaggi amati dai teenager hanno voluto fare il proprio “in bocca al lupo” agli studenti nelle ore immediatamente precedenti la prima prova. E oggi, il grande giorno è arrivato. Ma come avranno passato i maturandi le ore immediatamente precedenti questo appuntamento? La famosa Notte prima degli esami? In molti, senza chiudere occhio: secondo le rilevazioni di Skuola.net, quasi 3 studenti su 5, infatti, alla vigilia della maturità temevano di non riuscire a dormire: un incubo finito al risveglio e all’entrata a scuola alle 8 di questa mattina. Quando all’apertura del fatidico plico sono stati letti i Versicoli quasi ecologici, la poesia di Giorgio Caproni oggetto di Analisi del testo per la prima prova della maturità 2017 . Eccola: “Non uccidete il mare, la libellula, il vento. Non soffocate il lamento (il canto!) del lamantino. Il galagone, il pino: anche di questo è fatto l’uomo. E chi per profitto vile fulmina un pesce, un fiume, non fatelo cavaliere del lavoro. L’amore finisce dove finisce l’erba e l’acqua muore. Dove sparendo la foresta e l’aria verde, chi resta sospira nel sempre più vasto paese guasto: Come potrebbe tornare a essere bella, scomparso l’uomo, la terra”.

Le altre prove d’esame

E mentre il tema di attualità della prima prova della Maturità 2017 è sul Progresso partendo da una citazione di Edoardo Boncinelli da Per migliorarci serve una mutazione, è la Robotica l’argomento scelto per il saggio tecnico scientifico dell’esame di maturità di quest’anno. “Il miracolo economico italiano”, invece, la scelta per il tema storico della prima prova della Maturità 2017, con citazioni da Piero Bevilacqua da Lezioni sull’Italia repubblicana e da Paul Ginsborg da Storia d’Italia dal dopoguerra a oggi. Per il saggio artistico letterario della prima prova della Maturità 2017 è stato scelto il tema “la natura tra minaccia e idillio nell’arte e nella letteratura”, mentre “Disastri e ricostruzione” è il soggetto scelto per il saggio storico politico previsto nella prima prova dell’esame di Maturità di quest’anno. “Nuove tecnologie e lavoro”, infine, uno dei testi di Enrico Marro, articolo preso dal quotidiano Il Sole 24Ore, è stato scelto per il Saggio breve socio economico. In bocca al lupo a tutti gli studenti alla prima vera prova d’esame della loro vita.