Matteoli e Quagliariello: agenda comune per il centrodestra unito

”Piuttosto che dibattere su formule politiche, il centrodestra deve ritrovare sui programmi e sulle proposte concrete le ragioni dell’unità”. Lo dichiarano i senatori Altero Matteoli e Gaetano Quagliariello, annunciando per il prossimo mercoledì 28 giugno, alle ore 17:30 presso l’Istituto di Santa Maria in Aquiro del Senato, il terzo appuntamento promosso dalla fondazione ‘Libertà per il Bene comune’ e dalla fondazione ‘Magna Carta’ per ”un confronto tra le forze di centrodestra sui principali temi dell’agenda politica”. Il dibattito, al quale parteciperanno Guido Crosetto, Raffaele Fitto, Giancarlo Giorgetti, Altero Matteoli, Gaetano Quagliariello e Giovanni Toti, moderati da Francesco Verderami e introdotti dall’economista Emanuele Canegrati e dal presidente di Confcommercio Carlo Sangalli, sarà dedicato alla Flat Tax, ”una riforma fiscale -spiegano i due promotori- che le nostre fondazioni sono state fra le prime a introdurre nel dibattito pubblico italiano” e che ”correttamente declinata può rappresentare un tema unificante per il centrodestra e una ricetta rivoluzionaria e sostenibile per proporre agli italiani un nuovo patto fiscale a fronte di un fisco oggi farraginoso e rapace”.

Per Matteoli e Quagliariello la strada è dunque ”partire da un confronto sulle proposte concrete: il fisco, la sicurezza di cui abbiamo discusso nel precedente appuntamento, ma anche l’Europa, l’immigrazione, i giovani, la famiglia, la sicurezza sismica, le specificità territoriali. Su tutto questo -concludono- le idee non mancano ed è dalle idee che bisogna ripartire per costruire una nuova e vincente unità”.