Malaparte, le celebrazioni per i 60 anni dalla morte. E Adelphi pubblica l’opera omnia

Una passeggiata fino a Spazzavento per rendere omaggio al mausoleo dello scrittore, la presentazione della sua opera omnia in corso di pubblicazione dalla casa editrice Adelphi, una lectio magistralis affidata a Sandro Veronesi, una mostra bibliografica: sono alcuni degli appuntamenti di “Maledetto pratese“, la rassegna promossa dal Comune di Prato per commemorare il 60° anniversario della morte di Curzio Malaparte (1898-1957), autore di La pelle e Kaputt, romanzi che hanno segnato un’epoca.

I due giorni più intensi delle celebrazioni saranno quelli in prossimità dell’esatto anniversario. Il 18 luglio Adelphi, la casa editrice che sta ripubblicando tutto Malaparte dopo anni di oblio, sarà ospite della Biblioteca Lazzerini. “Un autore, un editore. L’eredità Malaparte” è il titolo della conversazione con Matteo Codignola e Cristiano de Majo condotta da Chiara Mannocci. Il giorno esatto della morte, il 19 luglio, un doppio appuntamento. Al mattino, si terrà la “Passeggiata a Spazzavento”: una camminata al mausoleo-tomba di Malaparte sul Monte Le Coste.

La sera dello stesso 19 luglio, la produzione originale di Sandro Veronesi per l’anniversario malapartiano: sul palco della Corte delle Sculture della Biblioteca Lazzerini, lo scrittore terrà la sua lectio magistralis sul testamento spirituale di Malaparte, ovvero su Mamma Marcia, uscito postumo, testo privato e pubblico, letterario e politico, immaginifico e sanguigno. “Quella che dedichiamo a Curzio Malaparte è una rassegna di eventi che ora celebra i 60 anni dalla sua morte, avvenuta il 19 luglio 1957, e che si collegherà nel giugno 2018 con il 120° anniversario della nascita, il 9 giugno 1898 – ha spiegato l’assessore alla Cultura, Simone Mangani – Insieme alla Casa Pia dei Ceppi, la Società filosofica italiana e il Cai abbiamo realizzato un programma di incontri per riscoprire il Malaparte scrittore e personaggio, come già da molti anni fanno in Francia e in altri Paesi”.

Fino al 31 luglio nelle vetrine espositive della Biblioteca Lazzerini è allestita la mostra bibliografica “Il profumo dei testi: le prime cento parole delle opere di Curzio Malaparte”, che si propone di seguire il multiforme percorso creativo dello scrittore pratese, dalle sue prime prove letterarie fino alle più recenti edizioni di inediti e alle ristampe straniere, testimonianza di un successo, non solo nazionale, che appare senza tempo, in maniera quasi inesplicabile se solo si pensa a come siano stati presto dimenticati vari ‘pezzi forti’ del nostro Novecento letterario.