L’ultima idea del Cav: candidare Barbara D’Urso e Federica Panicucci

Silvio Berlusconi vuole candidare alle prossime elezioni Barbara D’Urso e Federica Panicucci. L’indiscrezione, raccolta da Libero quotidiano, si basa su alcune voci che arrivano da Arcore (e da Cologno Monzese) e da alcuni indizi. Quelli che riguardano la Panicucci, conduttrice di Mattino Cinque, sono diventati macroscopici dopo la foto di Berlusconi e della Panicucci postata su Instagram: «Averla a cena a casa mia Presidente è stato un regalo bellissimo. Mattino5 #party», ha scritto sui social la bionda conduttrice mostrando la foto con il suo sorriso smagliante in compagnia di Berlusconi, anch’egli sorridente.

barbara-durso

Barbara D’urso con Berlusconi

Il Cav a Domenica live: “Barbara D’Urso è l’unica che non c’è stata”

L’obiettivo del Cavaliere è convincere al grande salto anche Barbara D’ Urso, regina indiscussa della programmazione domenicale. Il percorso è stato costruito, sapientemente, nel tempo. Nell’ultima apparizione del Cavaliere a Domenica live «Barbara è l’unica che non ci è stata» ha detto Silvio con il suo tono leggero. «Mi ha corteggiato in maniera molto galante nel 1977. Io ho educatamente rifiutato l’invito ma siamo amici da quarant’anni». Eppure i due in trasmissione – come ha ricordato Vanity Fair – si sono sempre dati del lei, mantenendo un profilo complice ma elegantemente discreto, passando dal «dispotismo della Sinistra» ai selfie col pubblico in studio. Dopotutto, «Renzi si è dimenticato delle casalinghe, dei disoccupati, dei poveri e delle partite Iva» e chi meglio della D’Urso, pardon di Berlusconi, potrebbe rimediare?»

Non solo Barbara D’Urso e Panicucci: arruolati anche i telegiornalisti

Come spiega Libero, Mediaset rimane il vivaio preferito di Forza Italia. Una scelta strategica e comunicativa da non sottovalutare. I volti noti della tv non hanno il problema di doversi fare conoscere in giro. Ecco perché Berlusconi ha anche una lista di telegiornalisti da coinvolgere in vista della prossima tornata elettorale. Su tutti Mario Giordano e Paolo Del Debbio: i due, pubblicamente, hanno già declinato l’offerta. Ma la campagna elettorale è ancora lontana e assomiglia molto alla campagna acquisti del calcio. Fino all’ultimo tutto è possibile.