L’ultima gaffe della Fedeli, ministro senza laurea. Clamoroso errore: “Traccie”

Non è stata direttamente lei a macchiarsi di quel terribile “refuso” ma sta di fatto che la ministra senza laurea, Valeria Fedeli, responsabile dell’Istruzione italiana, ancora una volta finisce nella bufera per un clamoroso pasticcio. Nel giorno in cui il suo ministero organizzava gli esami di maturità per milioni di studenti italiani, sul sito ufficiale compariva un errore da matita blu: “Traccie”, invece che “tracce”. Uno svarione che immediatamente ha fatto il giro del web, scatenando commenti e ironie sul ministro, non proprio il politico più popolare d’Italia dopo l’equivoco sul diploma che in un primo tempo lei stessa aveva definito “laurea” sul proprio sito ufficiale.

Dopo la segnalazione dell’errore, il ministero ha corretto e si è scusato: sarebbe colpa della società di informatica che gestisce in queste ore gli aggiornamenti della pagina web dedicata agli esami di maturità. «Abbiamo visto il refuso sul sito degli esami di Stato e siamo subito intervenuti — si legge nella nota diffusa dal Miur —. Si tratta di un errore di battitura, che naturalmente non doveva esserci».

 Troppo tardi: la credibilità del ministero è materia troppo importante per essere affidata a società esterne, tanto più nei giorni in cui centinaia di migliaia di studenti pendono dalle labbra dei professori e del ministero in attesa della tracce. “Tracce” e non “traccie”.