L’incredibile raggiro: anziana derubata alle Poste da una dipendente (video)

Incredibile e vergognoso raggiro a una donna anziana in un ufficio postale. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Bari Centro e della Stazione di Bari San Nicola hanno arrestato L.S., 64 enne, incensurata, impiegata presso un ufficio postale del sud barese, quale operatrice di sportello, poiché accusata di utilizzo indebito di carta bancomat e prelievo illecito di denaro ai danni di una signora di 73 anni.

Il video mostra il comportamento inqualificabile  dell’impiegata ladra che, dopo aver ricevuto da un’anziana cliente la tessera bancomat, ha effettuato una prima operazione di prelievo all’insaputa di quest’ultima, ha riposto la somma prelevata di 485 euro sotto il banco di lavoro della sua postazione, avendo cura di gettare nel cestino la relativa ricevuta attestante l’indebita transazione, per poi trasferire il denaro all’interno della propria borsa, custodita nell’armadio alle sue spalle. Nulla di più subdolo, cattivo.

Quindi, L.S. ha reinserito la tessera nel POS per effettuare l’operazione effettivamente richiestale (un prelievo di mille euro dal quale stornare la somma di 485 euro per il pagamento di alcuni bollettini), incurante del fatto che avrebbe dovuto fare i ”conti” con le telecamere installate dai Carabinieri che hanno costantemente e impietosamente monitorato tutte le fasi della vicenda inqualificabile.

Al termine dell’attività lavorativa, L.S. è stata immediatamente sottoposta a controllo dai militari operanti. La successiva perquisizione personale ha consentito di rinvenire e sequestrare il contante asportato, oltre ad una copiosa documentazione rinvenuta in ufficio consistente in ricevute\estratti conto, libretti e tessere bancomat intestate a persone terze in corso di identificazione, tutte potenziali vittime dell'”infedele impiegata” , ossia della ladra. Le ulteriori preliminari verifiche, presso l’ ufficio postale, hanno rivelato altri due recenti casi di prelievi abusivi commessi da L.S., sempre in danno della stessa anziana vittima. L.S., su disposizione dell’autorità giudiziaria, è stata posta agli arresti domiciliari. I Carabinieri, che hanno ottenuto la piena collaborazione da parte di ”Poste Italiane” durante tutte le fasi delle indagini, continuano, intanto, i loro accertamenti al fine di verificare se la condotta della donna rappresenti o meno un caso isolato.