La May si scusa con i suoi deputati per aver indetto le elezioni anticipate

E’ iniziato in serata l’incontro tra la premier britannica Theresa May e il 1922 Committee, il Gruppo parlamentare conservatore alla Camera dei Comuni. Secondo quanto riporta il Guardian, un deputato conservatore presente all’incontro ha riferito di un clima disteso. La premier, ha riferito il deputato, si è scusata per la situazione difficile nella quale ha fatto precipitare il partito, con il deludente risultato elettorale nel voto anticipato dell’8 giugno. “Vi ho messo in un casino e vi tirerò fuori”. Questa la battuta che la premier, secondo quanto riferito da fonti citate dalla stampa britannica, avrebbe pronunciato nel suo incontro con il Gruppo parlamentare dei conservatori alla Camera dei Comuni. La premier si è detta molto dispiaciuta per i parlamentari che hanno perso il loro seggio nelle elezioni di giovedì, anticipando che il partito fornirà aiuto a quanti si trovano in difficoltà finanziarie. La May, hanno riferito alcuni deputati presenti alla riunione, si è scusata più volte per la decisione di indire elezioni anticipate. All’incontro, tutt’ora in corso, prendono parte anche i membri conservatori della Camera dei Lord, oltre che i deputati alla Camera dei Comuni. Dal clima della riunione non sembra emergere finora una richiesta di dimissioni nei confronti della premier. Intanto le sinistre inglesi ne approfittano per colpire: il possibile rinvio del Discorso della regina mostra “il caos” nel quale si trova il governo. Lo afferma attraverso un portavoce il Partito laburista, che stigmatizza “l’incapacità” del governo di “confermare la data” del Queen’s Speech, l’atto formale con il quale la sovrana inaugura la legislatura, enunciando il programma del governo. Si tratta, affermano i laburisti, di un segnale che “mostra che questo governo è nel caos mentre fatica a concludere un accordo sotterraneo con un partito (il Dup, ndr) che ha posizioni ripugnanti sui diritti delle donne e delle persone Lgbt”.